• Come rimorchiare in inglese. Vocabolario di base e divertente per rimorchiare in inglese

    Sì, l’amore è molto importante e a tutti noi piace sentirci amati e naturalmente sentire che per qualcuno siamo speciali, ma prima di arrivare a questo, sarai d’accordo con me che è necessario che ci sia un contatto precedente, no? Che sia in un bar o in Internet, in qualche modo devi avvicinare qualcuno o fare in modo che qualcuno si avvicini a te, e a volte, a causa delle differenze culturali o del timore, si resta paralizzati. Ed è qui che entra in gioco questo divertente vocabolario di base che ti facilita la vita e, soprattutto, ti fa trascorrere del tempo piacevolmente.

    1. Dobbiamo iniziare dalle basi, cioè dal verbo ‘rimorchiare‘. Vediamo le diverse varianti che ci offre la lingua inglese.
    Hit on, si usa di più negli Stati Uniti, ma è noto in tutto il mondo.
    – She is hitting on me
    To hook up with:
    – That girl wants to hook up with you
    Pick up:
    – Some boys just go out to pick up girls

    2. Ora, è il momento di avvicinare qualcuno o che qualcuno si avvicina a te, quindi è molto probabile che si ponga una domanda del tipo:

    Can I buy you a drink?
    – Posso offrirti da bere?
    Can I get you a drink?
    – Vuoi bere qualcosa? Posso offrirti qualcosa?

    3. Un altro modo di avvicinarsi è dimostrando interesse chiedendo se la persona è da sola o meno.
    Are you on your own?
    – Sei da sola/o?
    Do you mind if I join you?
    – Ti spiace se ti faccio compagnia?

    4. Inoltre, puoi chiedere direttamente un appuntamento. Questo vocabolario probabilmente suona più familiare, dato che siamo abituati ad ascoltarlo in vari film americani.
    I find you very attractive
    – Ti trovo molto attraente/bello/a
    If you’d like to meet up sometime, let me know!
    – Se ti andasse di rivederci qualche volta, fammelo sapere!
    Ed è a questo punto che le/gli dai il numero di telefono o glielo chiedi:
    Would you give me your phone number?
    Here’s my phone number

    5. Ecco ora qualche frase per rompere il ghiaccio che ti faranno ridere o piangere, non si può mai dire.
    Sorry, but you owe me a drink because when I saw you, I dropped mine.
    – Scusa, ma mi devi un drink, perché quando ti ho visto/a mi è caduto il bicchiere di mano.
    I’ll bet you 20 euros that you are going to say ‘no’ to me.
    – Scommetto 20 euro che mi dirai di no.
    Baby, you are a blast
    – Tesoro, sei una bomba. Questa sarebbe una traduzione letterale, ma corrisponde un po’ al nostro ‘sei uno vero schianto’.

    6. E poi c’è anche il momento dello sbruffone, ed è in questo contesto che entrano in gioco queste due frasi
    Let’s take a ride on the wild side.
    – Facciamo un giro sul lato selvaggio (o meglio “Diamoci dentro!”)
    È una frase per audaci e un po’ su di tono, ma ovviamente non tutte sono frasi sdolcinate.
    She/he got her eyes on me.
    – Non mi toglie gli occhi di dosso. Questa frase è molto utile per vantarsi davanti agli amici.

    7. E infine, non poteva mancare una paragrafo con un po’ di galanterie, perché fa sempre bene farsi due risate e non prendere tutto sul serio.
    You are so beautiful that you made me forget my pickup line
    – Sei così carina che mi hai fatto dimenticare il complimento che volevo farti.
    Un altro ottimo complimenti inglese:
    I was wondering if you had an extra heart. Mine seems to have been stolen.
    – Mi chiedevo si avessi un cuore di scorta, perché pare che il mio me l’abbiano rubato.

    Speriamo che queste frasi di base ti aiutino a trascorrere dei bei momenti e conoscere molta gente.

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • 5 trucchi per apprendere l’inglese senza muoverti dalla tua città

    Dobbiamo essere realisti, sappiamo benissimo che non tutti hanno la possibilità di viaggiare recandosi in un Paese straniero, come l’Inghilterra o l’Austrailia, per imparare l’inglese direttamente sul posto.. Questo post è appunto diretto a tutti coloro che continuano a pensare che non sia possibile imparare correttamente l’inglese senza vivere in un Paese anglofono. Spero di riuscire a convincerti che invece lo è.

    1. Chi ha detto che apprendere le lingue deve essere per forza noioso? Scarica delle app che ti consentano di esercitarti con la grammatica e il vocabolario appreso. Una volta installate sul tuo dispositivo mobile, non avrai problemi ad esercitarti ovunque, perfino mentre aspetti la metropolitana. Il mondo delle applicazioni ti offre una vasta scelta, dalle app per ricordare il vocabolario a quelle per apprendere a coniugare i verbi.

    2. Quello che segue, più che un trucco è un’idea, cercati SUBITO un compagno di conversazione, qualcuno con cui puoi esercitare le tue conoscenze di inglese, anche se il tuo livello è molto basso. A titolo di consiglio, e nella misura in cui ciò sia possibile, ti suggeriamo di cercare un compagno di conversazione del tuo stesso livello di lingua, dato che se l’altra persona ha un livello superiore, con molta probabilità finirà per condurre la conversazione.

    3. Per sentirti più immerso nella cultura, non esitare ad ascoltare la radio o dei podcast in inglese, vedere film e serie TV in inglese, trai vantaggio da tutti i mezzi di comunicazione, libri, periodici, riviste ecc. Sappiamo che te lo diranno tutti, ma il fatto è, caro student, che è proprio così, abituarti ad ascoltare la lingua inglese ti aiuta moltissimo nella comprensione, oltre che farti migliorare l’accento. Sicuramente, sarà più divertente che fare un esame orale davanti a tutta la classe che ti osserva.

    4. Quanto ci piacciono i post-it? MOLTISSIMO! Sì, penserai che sia una sciocchezza inutile, che non è un appartamento di studenti Erasmus ecc., ma bisogna ammetterlo: vedere ogni giorno delle note sugli oggetti della nostra casa aiuta moltissimo, dato che guardando di continuo post-it girando per la casa, ripeti involontariamente le parole.

    5. Non dimenticare che imparare l’inglese è una cosa positiva e divertente, non prenderlo come un obbligo, ricorda che esistono molte attività che ti piacciono che puoi vedere in inglese, come gli sport, il cinema e che fondamentalmente qualsiasi cosa tu faccia in italiano puoi farla in inglese, perfino parlare con te stesso in inglese davanti allo specchio, quindi devi trasformare questi trucchi in qualcosa di divertente!

    Speriamo di averti convinto e che quanto prima tu metta in pratica questi tip.
    Prova a trasformare tutti questi trucchi in routine e in tal modo acquisirai gradualmente una maggiore conoscenza e migliorerai il tuo livello.

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • 5 motivi per cui dovresti vivere un po’ di tempo in un paese anglofono

    Ti sarà capitato migliaia di volte di sentir dire che un’esperienza all’estero cambia la vita, che lascia il segno per sempre, che una volta che l’hai provata è difficile tornare a essere la stessa persona e a dire il vero non è possibile smentire queste espressioni. Vivere all’estero arricchisce moltissimo e inoltre ti aiuta a vedere il mondo da prospettive differenti.

    In questo post vorremmo appunto mostrarti 5 motivi per cui vivere in un Paese anglofono per un po’ di tempo sarebbe un’ottima idea. Naturalmente, ognuno di questi motivi si potrebbe applicare a qualsiasi Paese diverso dal tuo, ma poiché a noi interessa l’inglese e tutto ciò che circonda questa incredibile lingua, ci concentreremo su Paesi come gli Stati Uniti, il Regno Unito o l’Australia.

    1. Viaggiare e trascorrere un po’ di tempo in un Paese anglofono ti aprirà un mondo di possibilità. Apprenderai ad adattarti a nuove situazioni, ti conoscerai meglio, poiché dovrai affrontare limiti mai sperimentati prima, e sarai estremamente sorpreso da ciò che sei in grado di ottenere con le tue sole possibilità.

    Non parliamo soltanto di sperimentare ciò che vedrai o che sei in grado di fare, bensì di conoscere una nuova cultura, nuove situazioni, specialità gastronomiche, nuovi tipi di bevante e di birre.

    2. Viaggiare, e a chi non piace viaggiare? Vedere nuovi edifici, visitare musei, conoscere angoli nuovi, gallerie, piccoli caffè, ristoranti della zona, viaggiare è sempre un piacere che ti arricchisce e ti insegna.

    3. Desideri padroneggiare il tuo inglese? Chi vogliamo ingannare? Uno dei motivi principali per cui intendiamo trascorrere un po’ di tempo in un Paese come l’Inghilterra non è certo per le sue giornate di sole, bensì per apprendere correttamente l’inglese e ovviamente il modo migliore per farlo è vivere lì e immergersi al 100% nella cultura del Paese.

    Noi ti consigliamo di non circondarti soltanto di persone che parlano la tua stessa lingua, bensì di aprirti ad altre culture ed esercitare il tuo inglese.

    4. Più opportunità di lavoro: vivendo in un altro Paese puoi avere la possibilità di lavorare lì o, se possibile, di apprendere la lingua in modo corretto e poi potrai cercare un lavoro sia nel Paese di destinazione che nel tuo, se vi fai ritorno, in quanto si tratta di un’esperienza nuova e se riesci a imparare una lingua, aumentano le tue possibilità di trovare lavoro.

    5. Una delle esperienze più incredibili di vivere all’estero sono le amicizie che nascono durante il soggiorno. Non avendo la tua famiglia o i tuoi soliti amici lì con te, quelli che conosci viaggiando diventano la “tua famiglia”.

    Non avere paura che non ti farai degli amici quando sarai all’estero, poiché coloro che sono appena arrivati hanno molte cose in comune con te e inoltre non dimenticare tutto ciò che puoi apprendere dalle persone diverse da te.

    Quindi? Sei pronto a compiere questo passo?

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • Arrivare in soli 5 minuti a un livello “pro” di small talk

    Cos’è lo small talk? Letteralmente significa “piccola chiacchierata”. Tutti noi conosciamo sicuramente quella sensazione un po’ scomoda di entrare in un ascensore e trovarsi all’ultimo momento con un’altra persona. Conosci quella persona, lavora con te ma dall’altra parte dell’ufficio, non ci scambi mai due parole e non ricordi neanche il suo nome, hai due opzioni: rimani in silenzio fino all’ultimo piano e sopportate quei 3 minuti di disagio fino al momento in cui vi separate e ognuno va alla propria scrivania, oppure prendi l’iniziativa e dici: Ciao!
    Sappiamo che a volte risulta difficile persino nella propria lingua, però di tanto in tanto vale la pena socializzare un po’, perché così facendo si conoscono nuove persone e chissà magari una conversazione banale può trasformarsi in una chiacchierata più lunga. Con questo articolo vogliamo prepararti per una conversazione di due minuti con un parlante inglese.

    1. Break the ice!

    Rompere il ghiaccio è la parte più difficile, inizia con un Hi, how are you? (Ciao, come stai?), può sembrare ovvio, ma spesso risulta difficile dire anche solo questo. Vedrai che a volte non sarà necessario dire molto di più. Se inizi salutando qualcuno, quella persona ti risponderà e, nel migliore dei casi, si lascerà coinvolgere e continuerà con domande o commenti al riguardo. Però nel caso in cui incontrassi qualcuno un po’ meno socievole, ti suggeriamo alcuni argomenti che vanno sempre bene.

    talk3

    2. Il tempo – The weather

    Si può sempre parlare del tempo, qui trovi alcune frasi utili per non confonderti e parlare del caldo che fa in piena estate:

    It’s so hot these days, I wish I was at the beach! – Che caldo fa in questi giorni, vorrei stare al mare!

    It looks like it’s never going to stop raining. – Sembra che non voglia smettere di piovere.

    They said it’s going to snow this week-end. – Dicono che nevicherà questo fine settimana.

    The weather is crazy lately, isn’t it? – Il tempo è pazzo ultimamente, no?

    talk5

    3. In ufficio – The office

    Se hai appena iniziato a lavorare in una nuova azienda o se ci lavori da molto tempo, alcune frasi per evitare quel silenzio scomodo servono sempre:

    How was your week-end? – Com’è stato il tuo fine settimana?

    Have you worked here long? – Lavori qui da molto tempo?

    I’m so looking forward to the week-end! – Non vedo l’ora che arrivi il prossimo fine settimana!

    I’m going for a coffee, would you like to join? – Vado a prendere un caffè, vuoi venire?

    talk1

    4. “Socializzando”- Socializing

    Sei stato invitato a una cena e l’unica persona che conosci è seduta all’altro lato del tavolo? Nessun problema:

    I love your shoes! Where did you get them? – Mi piacciono le tue scarpe. Dove le hai comprate?

    XX is a really good chef, the food is delicious, isn’t it? – XX è un/a cuoco/a molto bravo/a, il cibo è delizioso, non è vero?

    And you, how do you know xx? – E tu, come hai conosciuto xx?

    This place is nice, isn’t it? I have to come again. – Questo posto è carino, vero? Devo tornarci.

    talk4

    5. Facendo la coda – In the queue

    È triste però la realtà è che nella vita ci tocca aspettare in molte occasioni: dal dottore, all’aeroporto, per questioni burocratiche, ecc. Se non sei l’unico in coda, prova a intrattenerti un po’, usa queste frasi come introduzione:

    Did they say how long the delay is? – Hanno detto di quanto è il ritardo?

    I didn’t think there were so many people today. – Non pensavo ci fossero così tante persone oggi.

    Have you been here before? What is it like? – Sei mai stato qui prima d’ora? Com’è?

    Have you been waiting long? – È da molto che aspetti?

    talk2

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • 5 cose basilari (basics) da sapere se vuoi trasferirti a Londra

    Londra: il Big Ben, taxi neri, fish and chips, pioggia, ancora pioggia, multiculturalità e the Queen, tutti siamo in grado di nominare almeno cinque cose che ci vengono in mente quando pensiamo alla capitale dell’Inghilterra. In molti ci lamentiamo della cucina inglese, del tempo che fa nel nord e dei turisti festaioli che vengono nel nostro paese, però bisogna dire che vale davvero la pena visitare anche il loro. Per chi di voi non c’è mai stato: Preparate le valigie! È un’esperienza unica, a tal punto che alcuni comprano soltanto il biglietto di andata. Proprio per questo, abbiamo preparato le 5 cose fondamentali da sapere prima di trasferirsi a Londra. Eccole!

    1. British please!

    Ok, non è necessario che tu abbia un perfetto accento british, però sia che ti trovi lì per un viaggio che per rimanere per un lungo periodo, devi conoscere alcuni consigli di base su come parlare nella capitale britannica. Tenendo in considerazione che Londra è una delle città più multiculturali del mondo, con più di 8 milioni di abitanti, con circa 270 nazionalità e 300 lingue diverse, sarà facile trovare qualcuno che parli la tua stessa lingua e il buon proposito di parlare solo inglese con il quale eri arrivato a Londra comincerà a svanire. Non occorre che ti diciamo di cercare persone di nazionalità diversa dalla tua, questo lo sai bene ma potresti dimenticarlo. E noi siamo qui apposta per ricordartelo. 

    2. Il mondo culinario

    Lasciamo da parte il pregiudizio secondo il quale la cucina inglese “non è buona”, non esistono cucine non buone, esistono solo gusti diversi. Prova la gastronomia inglese! Che lo Shepherd’s Pie o i Cornish Pasties non ti suonino strani.
    In generale, sappiamo che la cucina britannica è abbastanza diversa da quella mediterranea, non solo per quanto riguarda i piatti, ma anche gli orari. Quella che per gli inglesi è l’ora di cena, per un italiano sarebbe l’ora della merenda, per fortuna a Londra tutto è possibile e puoi trovare cibo di qualsiasi parte del mondo, comprese combinazioni strane come il sushi hot dog, e a qualsiasi ora del giorno.

    3. You better get this party started!

    Esatto, uscire a bere qualcosa non è affatto un problema, si può cominciare a qualsiasi ora e in qualsiasi giorno della settimana. Bisogna considerare però che, come per l’orario dei pasti, anche l’orario per uscire viene anticipato, ciò significa che i locali chiudono prima. Però pensa che c’è un lato positivo in questo, hai più tempo per dormire e forse evitare i postumi della sbornia del giorno dopo, poiché ti verrà all’alba.

    4. Al lavoro!

    Se pensi di rimanere più a lungo, è meglio imparare bene l’inglese, ti aiuterà anche trovare un lavoro, chissà magari proprio il lavoro dei tuoi sogni! La cosa migliore è informarsi prima di partire, esistono molti blog e forum con informazioni importanti ed esperienze di altre persone, esistono anche tanti portali dove consultare direttamente gli annunci.
    Trovandoti in un paese nuovo, probabilmente non ti sentirai a tuo agio con la nuova lingua, è importante essere aperti, anche a un lavoro che potrebbe non essere il tuo preferito, ma che potrebbe essere di grande aiuto per iniziare e per padroneggiare la lingua, perché, indovina un po’, a Londra la vita non è gratis né economica.

    5. Home Sweet Home

    Se vuoi fermarti soltanto qualche giorno, non preoccuparti, troverai un ostello a prezzi ragionevoli. Se invece vuoi fermarti per più tempo, diventa un po’ più complicato. Gli affitti a Londra non sono famosi per essere i più economici, anzi tutto il contrario. Per questo, per iniziare ti conviene prendere in affitto una stanza in un appartamento condiviso, in questo modo potrai evitare le formalità burocratiche che magari non ti sono ancora ben chiare, è più economico e ti aiuterà anche a conoscere nuove persone. Attenzione! Ricorda che è molto probabile che i prezzi indicati si riferiscano alla settimana e non al mese.
    Se sei tra coloro che hanno già fatto il grande passo o che stanno per farlo, raccontaci quali sono i tuoi consigli.

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • Espressioni in inglese: la nostra preferita è la numero 7

    Sappiamo che ogni lingua ha delle espressioni specifiche che perdono parte di significato quando vengono tradotte in un’altra lingua. In alcuni casi ci piacerebbe poterne avere la traduzione nell’altra lingua perché esprimono molto bene situazioni, sentimenti e azioni. Per cominciare, vi insegniamo alcune espressioni inglesi che dovremmo includere nella nostra quotidianità, anche in Italia. Vedrai quante volte potrai utilizzare “Vuoi sempre mettere il dito in tutte le torte!” a partire da oggi 😉

    1. That’s the straw that broke the camel’s back – Per capire di cosa parliamo, in italiano sarebbe letteralmente Quella è la paglia che ha rotto la schiena del cammello, ed è l’equivalente di “Questa è la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. Bisogna ammettere che l’immagine di un cammello è molto più impressionante di un vaso pieno d’acqua.

    2. How are you doing? – È una frase molto semplice: “Come va?”, niente di misterioso, ma vedrai che cambiando intonazione può cambiare l’intenzione con la quale viene detta.

    3. To go nuts– No, non ha niente a che vedere con l’andare a cercare noci. In inglese si parla di noci per dire che qualcosa o qualcuno è diventato pazzo.

    4. It sounds greek to me. – Mi sembra greco, noi diremmo “Mi sembra arabo”, cioè che non capiamo nulla 😉

    5. It’s raining cats and dogs. – Si vede che l’argomento degli animali è molto popolare, ma in nessun posto al mondo piovono gatti e cani, vuole dire semplicemente che piove a catinelle.

    6. New brush sweeps clean but old broom knows all the corners – È ciò che in italiano diciamo “Val più un vecchio in un canto, che un giovane in un campo”. Qualcosa come “Molto più fanno gli anni che i libri”.

    7. To have a finger in every pie – Conosciamo tutti almeno una di quelle persone che hanno sempre un’opinione e si immischiano in tutto. La prossima volta che vorrai lamentartene, prova a farlo con questa frase. “Mettere il dito in tutte le torte” descrive molto bene quando qualcuno vuole partecipare a tutto contemporaneamente. La variante italiana sarebbe “mettere il naso dappertutto”.

    cupcake_536x237

    8. To be over the moon – A chi non piacerebbe stare sulla luna? Beh, basta semplicemente “essere felice”.

    9. To chew the carpet – Ok, “masticare il tappeto” non sembra molto gradevole, però neanche “ingoiare il boccone amaro” è facile.

    10. What a horse’s ass – Un’altra espressione dal mondo degli animali, puoi immaginare di riferirti all’autista del bus che non si ferma mai nella tua fermata come un culo di cavallo invece di un “imbecille”?

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • Come esercitare il tuo accento americano: le 3 migliori serie tv

    Non è una novità che l’inglese, essendo una lingua parlata in tanti paesi del mondo, ha molti accenti diversi. L’accento ha la sua importanza, ma la cosa davvero importante è sapersi esprimere e farsi comprendere. L’accento verrà da sé in un secondo momento. Siamo sinceri, a volte non riusciamo a esprimerci con chiarezza nemmeno nella nostra lingua, vero?

    Quindi quando devi parlare, non preoccuparti, non è importante assimilare l’accento britannico, australiano o americano. Sappiamo però che a volte si può preferire un accento rispetto ad un altro, per esempio per questioni di lavoro, pertanto questo articolo ti sarà particolarmente utile se sei interessato soprattutto all’accento americano.

    Il modo migliore per imparare una lingua e un determinato accento è, ovviamente, quello di viaggiare e trascorrere del tempo in quel paese. Per tutti coloro che non hanno la possibilità di esplorare personalmente la cultura americana, esiste un trucco abbastanza utile: guardare film e serie tv! Esatto, non c’è bisogno di fare chissà quali sforzi o prendere lezioni, puoi iniziare da subito guardando la tua serie preferita in versione originale. Se all’inizio ti risulta difficile capire, usa i sottotitoli, l’importante è abituare l’orecchio alla melodia della nuova lingua, in questo caso l’inglese americano.

    Ti indichiamo qui le 3 migliori serie che possono aiutarti a fare pratica con l’accento. Non importa se hai già visto quella serie 4 volte e la conosci a memoria, anzi di fatto è meglio, perché in questo modo non devi concentrarti nel cercare di capire cosa sta succedendo, ma solo sulle espressioni che dicono e come le dicono.

    1. Friends

    Friends è una serie iniziata nel 1994 e conclusasi nel 2004. È una sitcom che parla di 6 amici che vivono a Manhattan e trascorrono la maggior parte del loro tempo nel caffè Central Perk. Oltre ad avvicinarti all’accento americano, trattandosi di una serie che riflette la vita quotidiana dei 6 amici, ti può anche aiutare a farti un’idea della cultura americana (di quell’epoca, chiaramente).

    Per esempio, Phoebe, una dei protagonisti, lavora, tra le altre cose, come cantante e ogni Natale canta una canzone, in una delle quali non può mancare il famoso Santa Claus:

    Went to the store, sat on Santa’s lap, asked him to bring my friends all kinds of crap. He said all you need is to write them a song. Now you haven’t heard it yet, so don’t try to sing along. No don’t sing along. Monica, Monica, have a happy Hannukah. I saw Santa Claus, he said hello to Ross. And please tell Joey, Christmas will be snowy. And Rachel and Chandler… have a
    [mumble] handlerrrrr.

    pheobe

    2. Breaking Bad

    Una delle serie più recenti e popolari, parla di un professore di chimica di scuola superiore che, dopo aver scoperto di avere un cancro ai polmoni, trova un modo, diciamo alternativo, di mettere da parte denaro per la sua famiglia. È perfetta per imparare lo slang americano ed è interessante anche per ampliare il proprio vocabolario sulla chimica. A volte sono gli stessi attori a dare la definizione 😉 :

    Jesse: Got some big cow house way out that way, like two miles, but I don’t see nobody.
    Walter: ….Cow House?
    Jesse: Yeah, where they live.
    Walter: …
    Jesse: The cows!

    cow-house

    3. Modern Family

    Una serie su una famiglia americana più o meno tipica. In uno stile da finto documentario, ci mostra la quotidianità dei suoi personaggi, che conquistano i nostri cuori con il loro caratteri particolari. È una serie ottima per imparare espressioni e vocaboli d’uso quotidiano, usanze tipiche e nel frattempo, ma sempre con umorismo, trasmette dei messaggi morali.

    Manny: I’ve tried everything to get her attention. Opening doors, having a milk sent over in the cafeteria. Nothing has worked.
    Jay: Here’s the deal. Girls don’t go for all that romantic stuff. They go for power and success, and since you don’t have either one of those things… you’re gonna be the funny guy.

    gif-3

    Questa è soltanto una nostra selezione, ci sono molte più serie che possono aiutarti ad ampliare il tuo vocabolario, a migliorare la comprensione auditiva e il tuo accento. E tutto questo semplicemente guardando le tue serie preferite in versione originale.

    Forza, vediamo come va e se avete altre proposte! Condividetele con noi.

     

     

     

    Sources:

    -https://www.youtube.com/watch?v=8oGesoOOIyU
    -https://www.youtube.com/results?search_query=cow+house+breaking+bad
    -https://www.youtube.com/watch?v=U1E9f5ERSMk

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • 10 modi di mangiare o bere – in inglese!

    Quando si parla di mangiare o bere è importante sapersi esprimere bene, anche in inglese! Pensa che trascorriamo circa 7 anni della nostra vita a mangiare, quindi vale la pena conoscere le differenze tra i vari modi di “mangiare” e “bere”. Eat e drink sono i classici termini che tutti conosciamo, ma ne esistono molti di più. Di seguito ti mostriamo 10 modi diversi per riferirsi a queste due attività che tanto ci piacciono.
    1. Peck o Nibble: Quando mangi poco a poco o non hai molta fame dici Peck o Nibble. Per esempio “She nibbled on her cracker”. In italiano diremmo “Ha piluccato un cracker”

    2. Sip: “To sip on a drink” ha praticamente lo stesso significato di peck però per i liquidi. Sip si usa quando bevi un sorso di una bibita.

    beber

    3. Gobble: Questa parola è molto utile per chi mangia molto velocemente, in italiano diremmo “ingurgitare”. Esiste addirittura uno scioglilingua: “As he gobbled the cake on his plate, the greedy ape said as he ate, the greener green grapes are, the keener keen apes are to gobble green grape cakes, they’re great!”

    4. Down: Oltre a mangiare rapidamente, si può anche bere rapidamente e in questo caso si dice “To down a drink”.

    5. Chomp: Sicuramente avrai un amico che fa molto rumore quando mangia: “Oh it’s her again chomping her carrot!”. Significa mangiare qualcosa facendo molto rumore.

    6. Chug: È un termine che sicuramente avrai sentito in qualche bar. To chug è bere tutto d’un fiato e quando dicono “Chug! Chug! Chug!” equivale al nostro “Alla goccia!”

    7. Dig in: Se vedi che qualcuno si avventa sul cibo puoi dire “Look at him, he digs into his meal!”

    comer

    8. Drink like a fish: Bere come un pesce. Considerando che i pesci vivono in acqua puoi immaginare cosa significhi… Esatto, quando diciamo “Oh, she drinks like a fish!” significa che beve molto alcool e spesso.

    9. Eat like a bird: Un altro paragone con il mondo degli animali, così sarà più facile da ricordare. Quando qualcuno ti dice “You eat like a bird!” significa che mangi molto poco e porzioni molto piccole (come un uccellino insomma).

    10. Demolish: È un’espressione piuttosto informale, letteralmente significa “distruggere”, però nel contesto del cibo viene usato per indicare che qualcuno ha mangiato la sua porzione molto rapidamente. Per esempio: “He demolished an enormous pizza in just 5 minutes”. In italiano per questo termine usiamo il verbo “divorare”.

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • Frasi indispensabili per comunicare in inglese quando sei in vacanza

    Stai per iniziare le vacanze e vuoi trasscorrerle in un Paese anglofono? Temi di trovarti nella situazione di non sapere cosa dire a seconda dei casi? Ti offriamo un glossario di frasi indispensabili per viaggiare quest’estate in un Paese anglofono:

    Affronta i delay all’aeroporto

    L’inglese è la lingua ufficiale di gran parte delle linee aeree, pertanto la cosa ideale è avere dimestichezza con i vari termini quali “flight” (volo), “departure” (partenza), “take off” (decollo), “land” (atterrare), “arrivals” (sala arrivi), “baggage reclaim” (recupero bagagli), “passport control” (controllo passaporti) o “boarding card” (carta d’imbarco).

    In caso di eventuali problemi con il volo, non dimentichiamo di tenere presenti queste frasi.

    Where is the check-in desk for the flight to my destination? (Dov’è il check-in del volo per la mia destinazione?)

    Which gate is the flight to my destination leaving from? (Da quale gate parte il volo per la mia destinazione?)

    What time will I be boarding? (A che ora mi imbarco?)

    Is the plane delayed? (Il volo è in ritardo?)

    My flight has been cancelled. What can I do? (Il mio volo è stato cancellato. Cosa posso fare?)

    Chiedi aiuto

    Se il nostro livello di inglese non è adeguato o se semplicemente non ci sentiamo sicuri quando arriviamo in un luogo dove si parla inglese, tutto ciò che ci serve è avere acquisito una serie di espressioni che ci aiuteranno a cavarcela in più di un’occasione.

    Could you speak slower? (Potrebbe parlare più lentamente?)

    Could you please repeat that? (Potrebbe ripetermelo, per favore?)

    I would like to report a theft (Desidero denunciare un furto)

    Where is the nearest hospital? (Dov’è l’ospedale più vicino?)

    Where is the police station? (Dov’è il commissariato di polizia?)

    Alloggiare in hotel

    Una delle nostre preoccupazioni quando siamo all’estero riguarda il luogo in cui abbiamo deciso di pernottare. Una volta arrivati lì, si può far ricorso a varie frasi che sarà bene memorizzare.

    Do you have any rooms available? (Ha delle camere libere?)

    Do you have a quiet room? (Ha una camera tranquilla?)

    Is breakfast included? (La colazione è compresa?)

    Can you wake me at 8 o’clock? (Mi può svegliare alle 8?)

    I want to check out (Desidero registrare l’uscita dall’hotel)

    Mangiare in un ristorante

    Naturalmente, nessuno desidera lasciare un Paese senza aver assaggiato le sue specialità gastronomiche. Se temiamo di andare in bianco a seconda delle situazioni, questi tip arrivano al momento giusto.

    A table for two, please (Un tavolo per due, per favore)

    Can I look at the menu, please? (Posso vedere il menu, per favore?)

    Is there a local speciality? (C’è qualche specialità della zona?)

    May I have a glass of water? (Posso avere un bicchiere d’acqua?)

    The check, please (Il conto, per favore)

    Andiamo a fare shopping

    Una delle cose più affascinanti del soggiorno in una città straniera è quella di perdersi per le sue strade e, naturalmente, andare a fare shopping nei suoi negozi, e pertanto le frasi che seguono ci saranno molto utili.

    How much is that/How much is it? (Quanto costa?)

    Can I pay by credit card? (Posso pagare con carta di credito?)

    I am just looking, thanks (Sto solo dando uno sguardo, grazie)

    Can I try it on, please? (Posso provarlo, per favore?)

    Have you got this t-shirt in a different size? (Ha una maglietta di una taglia diversa?)

    In definitiva, magari per gli italiani non è un compito facile apprendere l’inglese o un’altra lingua straniera, ma a poco a poco, con tranquillità e molta forza di volontà possiamo apprendere molto o almeno cavarcela bene in molte situazioni.

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente
  • Halloween: adesso più che mai devi conoscere queste 19 parole!

    Halloween si avvicina, hai preparato la lampada di zucca per il tuo giardino e i dolci per i piccoli vampiri e streghe che passeranno per le case la notte del 31 ottobre? Beh, almeno questo è ciò che vediamo nei film americani, però negli ultimi anni la festa dei fantasmi viene celebrata sempre più anche dalle nostre parti. Quel giorno per i piccoli ci sono i dolci, i costumi e possono andare a letto più tardi. Per i grandi invece ci sono i costumi, molte feste e i bar che fanno gli ”Halloween Specials”.

    Sai da dove ha origine in realtà questa famosa festa? Non è nata dall’altro lato dell’oceano, ma molto più vicino. Alla fine di ottobre i celti celebravano la fine dell’estate e l’inizio dell’epoca più oscura e fredda dell’anno. La notte tra il 31 ottobre e il primo novembre era considerata il momento nel quale la frontiera tra la morte e la vita era più aperta. Questo significava che i fantasmi dei morti potevano entrare nel mondo dei vivi. Da ciò deriva l’usanza dei travestimenti, dei roghi e del cibo che veniva lasciato fuori affinché i fantasmi non entrassero in casa. I celti chiamavano questa festa “Samhain”. Come già sappiamo, nel corso degli anni il nome è cambiato passando attraverso varie culture e alla fine, nella seconda metà del XIX secolo, gli immigranti inglesi e irlandesi hanno portato quest’usanza negli Stati Uniti. Qui si è trasformata in un evento sociale per tutta la famiglia e adesso sono i bambini i fantasmi da soddisfare con i dolci quando intonano “Trick or Treat” davanti alla porta.

    Non sai ancora cosa significa “trick or treat”? Non preoccuparti, qui di seguito ti lasciamo 19 parole legate a Halloween che devi conoscere per questa festa. Cerca di capire la spiegazione in inglese prima di cercare la traduzione alla fine dell’articolo. Manca poco tempo, preparati! 😉

    1. Ghost: The soul of a dead person, usually they appear as a floating, transparent shadow of this person and can go through walls

    2. Boo! : It’s the sound ghosts make when they scare somebody off

    3. Witch: Usually women who are supposed to have magical powers and typically live in their little houses in the woods with their cat and fly on a broom

    4. Broomstick: The broomstick is the part of the broom where the witch would sit on when she flies around

    5. Spider: Small animal with six or eight legs, there are harmless ones and dangerous ones, they usually sit in their sticky web and wait for insects to get stuck in it

    6. Coffin: It’s the box in which a dead person is buried

    7. Pumpkin: Big orange-yellow coloured fruit that grows on the ground and has a lot of seeds inside, you can make delicious soups from them!

    8. Mummy: The ancient Egyptians used to embalm the bodies of a dead person or even animals, you call them mummies

    9. Trick or treat: Kids say “trick or treat” when they go from house to house on Halloween in order to get sweets. If you don’t give them treats they’ll punish you with one of their tricks

    10. Costume: When you dress up on Halloween you wouldn’t wear your usual clothes but a costume in order to represent somebody or something else. Good costumes are, for example, if you dress as a witch, a mummy or a ghost!

    11. Midnight: It’s like the happy hour for ghosts, at exactly 00:00h they come out and spook people

    12. Skeleton: The complete structure of bones of an animal or a person

    13. Spooky: When something is strange and frightens you. You can be scared of something spooky, like a ghost for example

    14. Sweets: If you don’t want to be the victim of a Halloween trick, you’d better prepare loads of sweets for the kids

    15. Bat: Small animal that could be described as a flying mouse, they are active only at night time

    16. Jack O’ Lantern: Typical decoration for Halloween. It’s a lantern made out of a pumpkin, you just have to take out the inner part and carve a face into the outer part so that you can put a candle inside.

    17. Zombie: A dead person who is able to move, very slowly, usually they can’t talk and don’t have control of themselves

    18. Haunted House: A building where ghosts and other spooky creatures live. Usually weird things happen like windows and doors opening themselves or objects moving even though nobody touched them

    19. Superstition: A belief that, for example, something brings good or bad luck, or beliefs in magic because of occurrences that you can’t reasonably explain

    Ghost = Fantasma; Boo! =Buuu! (suono dei fantasmi ); Witch =Strega; Broomstick = Bastone della scopa; Spider =Ragno; Coffin = Bara; Pumpkin = Zucca; Mummy = Mummia; Trick or treat = Dolcetto o scherzetto; Costume = Costume; Midnight = Mezzanotte; Skeleton = Scheletro; Spooky = Orripilante; Sweets = Dolci; Bat = Pipistrello; Jack’O Lantern =lampada fatta con una zucca svuotata; Zombie = Zombie; Haunted House = Casa stregata; Superstition =Superstizione

    Iscriviti a ABA English
    Scarica l’App gratuitamente